giovedì 25 novembre 2010

Desiderio

La mia vita, la vostra quella degli altri
quante vite dai desideri differenti
avvolte contraddittori

Sempre più frequentemente provo il desiderio
di non sentirmi legato alle identiche cose
al mio rimanere sempre nei soliti posti

Luoghi e cose peraltro che in tanti momenti
di giornate meno uguali e ripetitive accetto
apprezzandone il sussistere

Il mio esistere nel vivere quotidiano
è
ostacolato dal non riuscire ad ottimizzare
agevolmente scrivendone tutto ciò che
naturalmente penso e provo

Ho lo stesso desiderio giorno dopo giorno
di assaporare quel gusto infinito che
provo nel perdermi nelle righe dei
miei incontenibili pensieri

Non so per voi cosa sarebbe questa vita senza
desiderare anche se più si ambisce avvolte
meno si riesce a concretizzare

Il desiderio più mortificante quando rimane
solo un sogno, in quanto non si riesce
a coglierne la vera essenza

Carlo Sani

1 commento:

  1. Perché bisogna saper porsi sempre nuovi impegnativi traguardi!

    RispondiElimina